S’e’ voluta dare una data nobile alla squadra creata dal nobile Luigi Amedeo di Savoia-Aosta, duca degli Abruzzi ovvero la stessa data del suo compleanno (anno escluso, avvenuto a a Madrid 21 anni prima), per il semplice fatto che fu proprio lui a voler colorare di oro e nero le maglie dei Nobili Torino nel 1889 e si deve a lui l’idea di riutilizzo di quelle maglie oronere di un calcio diverso che dalla Nobili tornarono in auge nel 1894, anno nel quale tutti i testimoni storici, ahime’ passati oggi a miglior vita, concordavano essere stato il vero anno in cui i “torinesi” della sezione foot-ball del pattinaggio del Valentino iniziarono a giocare con le nuove regole del calcio portate da Herbert Kilpin nel capoluogo torinese. E’ altresi’ vero che se la costituzione ufficiale è avvenuta solo nel 1897 ciò non toglie che tra di loro per non confonderli con l’Internazionale si chiamassero già e li chiamassero gia’ “quelli della Torinese” dal 1894. Per dovere di cronaca esistono lettere che comprovano tali date anche se per approccio filologico scientifico i giornali torinesi ne parlano solo dall’anno di costituzione ufficiale e non ufficiosa avvenuta solo nel 1897.

Non ci possono essere macchie in quegli uomini d’altra epoca quando raccontavano gli anni di formazione delle squadre calcistiche tralasciando l’eccellenza provincialistica come, magari, puo’ accadere oggi. La tempra di quelle persone MAI si sarebbe permessa di mettere in giro voci false e controproducenti per certificare notizie inventate e nemmeno avrebbero stampato notizie che facessero il paio agli errori . La rivista Foot-ball Club Torino iniziò dal 1919 (il suo primo anno di stampa) a riportare proprio che la Torinese venne formata nel 1894, lettere e interviste di Vittorio Morelli e Vittorio Pozzo sposano questa tesi e noi non possiamo che confermarla e farla nostra.

articolo andato in stampa sulla Gazzetta dello Sport, lunedì 15 marzo 1897, pag.3

Tifa per noi!